Tumore al polmone: ancora luci e ombre nell’accesso alle cure piú innovative in Italia

16/09/2020 Off Di cristoforo.frasca@gmail.com

Nel 67% dei casi di tumore al polmone localmente avanzato o metastatico vengono effettuati test diagnostici molecolari, ma solo 7 centri su 10 dispongono di un team multidisciplinare per la definizione dei percorsi diagnostici e terapeutici.
Gli oncologi dichiarano di conoscere molto bene la medicina di precisione e la sua importanza per la pratica clinica futura, ma meno della metà conosce bene le più recenti innovazioni per le analisi delle mutazioni, quali le piattaforme per la profilazione genomica. Ben 3 oncologi su 5 ritengono che il proprio centro non sia pronto per queste nuove tecnologie, per lo più per mancanza di attrezzature (62%) e di figure professionali specialistiche.
Questo è quanto è emerso dall’indagine “Oncologi e personalizzazione delle terapie” commissionata da Fondazione Onda e pubblicata su Onda medica, uno studio volto a esplorare il grado di conoscenza e l’utilizzo delle nuove opportunità diagnostiche e terapeutiche per il tumore al polmone.